La storia del barattolo

barattolo

Questa è una storia un po’ vecchia, me l’ero salvata qualche tempo fa. Ma è utile, di tanto in tanto, tirarla fuori. A volte penso che ci sia bisogno di fermarsi e riflettere un attimo, su cosa è davvero importante, su cosa conta per noi. Sembra scontato, banale, ma perdonatemi, non lo è. Mi capita di continuo sentir dire “mi piacerebbe, ma non ho tempo”, oppure “se avessi più tempo lo farei”, e invece vedere le persone sprecare preziosi minuti in cose di cui probabilmente si potrebbe fare a meno, anziché impiegare le energie in attività più utili a loro stessi e/o alle persone amate. Non è facile. La routine quotidiana ci coinvolge e ci condiziona, ma dobbiamo trovare la forza di trovare quella pausa in cui riusciamo ad inquadrare la nostra vita, a riassegnare valori – spesso sballati – alle cose che facciamo e che possediamo. Penso sia questo l’unico modo che abbiamo di poter dire, un giorno, IO SONO FELICE.

Vi lascio alla storia.

Un professore, davanti alla sua classe di filosofia, senza dire parola, prende un barattolo grande e vuoto di maionese e procede a riempirlo con delle palle da golf. Dopo chiede agli studenti se il barattolo è pieno. Gli studenti sono d’accordo e dicono di si. Allora il professore prende una scatola piena di palline di vetro e la versa dentro il barattolo di maionese. Le palline di vetro riempiono gli spazi vuoti tra le palle da golf. Il professore chiede di nuovo agli studenti se il barattolo è pieno e loro rispondono di nuovo di si. Il professore prende una scatola di sabbia e la versa dentro il barattolo. Ovviamente la sabbia riempie tutti gli spazi vuoti e il professore chiede ancora se il barattolo è pieno. Questa volta gli studenti rispondono con un sì unanime. Il professore, velocemente, aggiunge due tazze di caffè al contenuto del barattolo ed effettivamente riempie tutti gli spazi vuoti tra la sabbia. Gli studenti si mettono a ridere in questa occasione. Quando la risata finisce il professore dice: “Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti come la famiglia, i figli, la salute, gli amici, l’amore; le cose che ci appassionano. Sono cose che, anche se perdessimo tutto e ci restassero solo quelle, le nostre vite sarebbero ancora piene. Le palline di vetro sono le altre cose che ci importano, come il lavoro, la casa, la macchina, ecc. La sabbia è tutto il resto: le piccole cose.

Se prima di tutto mettessimo nel barattolo la sabbia, non ci sarebbe posto per le palline di vetro ne’ per le palle da golf. La stessa cosa succede con la vita.

Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia nelle cose piccole, non avremo mai spazio per le cose realmente importanti. Fai attenzione alle cose che sono cruciali per la tua felicità: gioca con i tuoi figli, prenditi il tempo per andare dal medico, vai con il tuo partner a cena, pratica il tuo sport o hobby preferito. Ci sarà sempre tempo per pulire casa, per riparare la chiavetta dell’acqua. Occupati prima delle palline da golf, delle cose che realmente ti importano.

Stabilisci le tue priorità, il resto è solo sabbia.

Uno degli studenti alza la mano e chiede cosa rappresenta il caffè. Il professore sorride e dice: “Sono contento che tu mi faccia questa domanda. E’ solo per dimostrarvi che non importa quanto occupata possa sembrare la tua vita, c’è sempre posto per un paio di tazze di caffè con un amico”.

Annunci